Share this page
| More

Friday 18 November 2016

Torino Film Festival 2016

Sotto la Mole torna con un ricco programma la rassegna di cinema indipendente nata a Torino nel 1982.

Il Festival nel tempo si è attestato come una delle più importanti manifestazioni del Paese dedicate alla settima arte, assumendo di anno in anno sempre maggior peso nel panorama cinematografico italiano.

Il Torino Film Festival, che si tiene ogni anno a novembre, è organizzato dal Museo Nazionale del Cinema di Torino e si inserisce nella lunga tradizione cinematografica del capoluogo piemontese.

Il festival, diretto per il secondo anno dalla critica cinematografica Emanuela Martini, presenta 15 film in concorso con una forte presenza dell'America Latina, oltre a numerose sezioni, quali Festa mobile, After Hours, Onde, TFFdoc e Italiana.corti.
Tra il 18 e il 26 novembre saranno presentati ben 158 lungometraggi, 17 mediometraggi e 38 cortometraggi. Tra questi si segnalano 46 lungometraggi opere prime e seconde, 43 anteprime mondiali, 25 anteprime internazionali, 8 anteprime europee e 73 anteprime italiane.
Ad aprire il festival sarà la commedia drammatica Between us di Rafael Palacio Illingworth (USA, 2016). L'unico film italiano in concorso è I figli della notte, pellicola di esordio di Andrea De Sica che, tra atmosfere oscure e scontri generazionali, narra la storia di giovani di buona famiglia che frequentano un collegio per rampolli dell’alta società dove vengono formati i "dirigenti del futuro". La manifestazione si chiuderà, invece, con Free Fire di Ben Wheatley, prodotto da Martin Scorsese.
La giuria del TFF è composta dal direttore della fotografia Edward Lachman (presidente); dallo scrittore e regista canadese Don McKellar; da Mariette Rissenbeek, della German Films Service; dal regista romeno Adrian Sitaru e dall'attrice israeliana Hadas Yaron. Guest director di questa edizione, Gabriele Salvatores che, tra l'altro, presenterà un’interessante sezione. A tal proposito Emanuela Martini ha dichiarato: «Con Gabriele Salvatores, guest director di quest’anno, il Torino Film Festival ha una comunione di amorosi sensi. Quando abbiamo gettato le basi con lui della sezione “Cinque pezzi facili”, dedicata ai film che gli hanno segnato la vita, abbiamo subito capito che avevamo gli stessi gusti». Le pellicole scelte dal regista premio Oscar sono: Jules et Jim di François Truffaut, Blow-Up di Michelangelo Antonioni, If… di Lindsay Anderson, Alice’s restaurant di Arthur Penn e The strawberry statement di Stuart Hagmann.

Giunto alla trentaquattresima edizione, il Torino Film Festival si riconferma un appuntamento diverso da tutti gli altri, dando spazio tanto ai grandi maestri quanto ai talenti emergenti, con una particolare attenzione alle opere che si collocano su una linea di confine tra cinema e altre forme d’arte, come la danza e la musica. Il legame a doppio filo con il mondo musicale è rimarcato anche dall’immagine guida del TFF: un ritratto di David Bowie che balla in scena, tratto da Absolute Beginners, cult movie diretto da Julien Temple nel 1986. Il festival omaggia così la memoria del grande musicista e attore scomparso nel gennaio 2016. Su questa linea si inserisce anche la notte punk alle Lavanderie Ramone con dieci film e dj set che celebrano i 40 anni del genere punk. Altra maratona notturna sarà quella di sabato 19 novembre al Cinema Massimo (sala 1), interamente dedicata all’horror e addolcita dalla colazione a base di croissant offerta dal TFF.
Il programma completo è disponibile sul sito del Torino Film Festival, o scaricabile in versione pdf.

<- Back to: News